fbpx
Mindfulness L’Osservazione Della Mente

Mindfulness L’Osservazione Della Mente

Si sa, quando ti osservi, ed attivi il tuo testimone interiore, sei totalmente immerso nel presente, tutta la tua energia vitale non si disperde ma rimane a tua disposizione nel qui e ora.

La mindfulness riprende e occidentalizza quello che 2500 anni or sono venne a raccontarci il Buddha.  Sostanzialmente la pratica dell’attenzione e della consapevolezza del vivere nel momento presente. Obiettivo raggiunto semplicemente praticando l’osservazione attiva di tutto ciò che accade istante per istante, sia a livello fisico, che emozionale e mentale. Se riesci ad osservare le tue manifestazioni in maniera distaccata, senza identificazione o giudizio, toglierai energia alla tua mente e al suo continuo brontolio, ottenendo uno stato di grazia e pace interiore che essa, sempre proiettata nelle ansie del futuro e nei rimpianti del passato, difficilmente conosce.

Viso assorto ritiro di meditazione due giorni Vipal oltre la mente per gioire B&B & Meditation Center Zorba Il Buddha Passerano Marmorito (AT)

Molti sono gli esercizi e le meditazioni studiati a uopo per aiutarti ad avvicinarti alla consapevolezza totale del presente, io personalmente nei quasi 25 anni di esperienze ne ho praticati parecchi, da quelli statici basati sul respiro e l’osservazione senza giudizio dei pensieri, a quelli dinamici come la meditazione camminata, il movimento consapevole o la meditazione attiva. Ma la cosa importante da comprendere e che si può praticare la mindfulness anche fuori dagli spazi protetti dei centri olistici o di casa nostra. Si può portare l’attenzione consapevole e l’osservazione distaccata e senza giudizio nella vita di tutti i giorni facendolo diventare uno stile di vita, abituandosi al concetto di innocuità, neutralità, non giudizio e distacco: vivi nel mondo senza appartenergli godendo dei suoi doni senza farli tuoi, accettando la sofferenza senza farla tua ma ascoltare ciò che ha da dirti.

Sono solo di passaggio

Posso darti il mio attimo
Vivo ora
E muoio dopo
Salgo nel mondo
Lo guido
Ma l’ho preso a nolo
Piango lacrime non mie
Rido la gioia dell’universo
Che non mi appartiene
Porto il peso pesante
Vuoto di leggerezza
Non mio
Dopo sono già morto
Posso vivere solo ora
Un attimo!
Per questo lo godo
Lo sento
Lo vivo

Questa poesia è un inno al presente, alla gioia dell’essere caduto nella consapevolezza del momento, del presente, dell’attimo. Un tripudio alla vita che stai cavalcando in questo momento, sì! In questo preciso istante. Adesso!
Io e te siamo collegati. Sì! Se tu riesci ad essere nel presente, in questo attimo in cui stai leggendo queste poche righe io e te siamo collegati, perché il presente, l’attimo non hanno dimensione spazio temporale, di conseguenza tutti gli attimi di presenza e di consapevolezza brillano e brilleranno per l’eternità, in collegamento tra loro nella coscienza universale.

Coscienza collettiva universale meditazione guidata Vipal Antonio Gianfranco Gualdi Centro di meditazione Zorba Il Budhha

Le date dei prossimi ritiri di meditazione mindfulness

Tutti gli articoli

Risorse Gratuite

Le date dei prossimi ritiri

17-18 Aprile Ritiro Di Meditazione Nel Bosco – Shinrin-Yoku: Spegni La Mente E Rilassati Nella Natura
17-18 Aprile Ritiro Di Meditazione Nel Bosco – Shinrin-Yoku: Spegni La Mente E Rilassati Nella Natura
24-25 Aprile Ritiro Di Meditazione Attiva: Il Risveglio Della Consapevolezza
24-25 Aprile Ritiro Di Meditazione Attiva: Il Risveglio Della Consapevolezza

6 commenti

  1. Morena

    Articolo scritto benissimo . Sembra che ha un nome quello che cerco di praticare da annibuono a sapersi. Spero di riuscire a essere organizzata come voi a breveun abbraccio, Morena Morlini

  2. Antonio

    Tutto bello e giusto quello che dici e decisamente all’attenzione e la consapevolezza ci si arriva con l’osservazione intesa come uso di tutti i sensi. Uso ormai obsoleto per la massa (brutta parola ma che definisce bene la maggior parte di umanità) che usa i sensi per l’effimero, l’apparire, l’arrivismo e il benessere materiale.
    Vero e condivido che volendo si può portare nella vita di tutti i giorni l’attenzione consapevole … cosa che faccio applicando nella vita “metodi” di altra pratica, come ti avevo già detto nel nostro incontro. Ma sono convinto che un sasso non puoi farlo un fiore, si dipingendolo, ma resterà sempre un sasso. Questo per dire che o è già innata nella persona la capacità di osservazione e con le pratiche la migliori o la porti in superficie o se sei un sasso rimani un sasso.
    L’osservazione distaccata e senza giudizio … non credo che l’essere umano se non “illuminato” perché si è distaccato dal mondo materiale, perciò fuori dalla realtà delle problematiche della vita quotidiana e sociale, possa non emettere giudizi. Il giudizio è la libertà di pensiero e di espressione.
    Un abbraccio da Antonio 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi